Home > calcio, Inter > Notte magica: grazie Inter

Notte magica: grazie Inter

La serata tra amici, vino e crescentine preparate da quella santa di mia moglie…
Neanche il tempo di sedermi a tavola e goal rapina, nel vero senso della parola. Si prospetta una serata allucinante…
Passa il tempo e Palacio pareggia, urlo, perdo la voce e l’arbitro non convalida. Nulla di nuovo: fuori gioco in linea, bravissimo l’assistente (prima dov’era però quel farabutto?).
Fine primo tempo, LichtSteiner va espulso, ma è come chiedere un miracolo…infatti comodo comodo viene sostituito per non rimanere in 10, che assurdità, avrebbe potuto picchiare fino al 90′ e nulla sarebbe successo…
La serata volge verso il peggio.
Campionato finito, umore sotto le scarpe.
Per condire il tutto, i miei amici gobbi, mi tempestano di sms dal primo minuto: “meglio la De Filippi”, “illuso”, “non vincete mai”.
Poi accade il miracolo.
Secondo tempo memorabile.
Squadra aggressiva, Juve schiacciata in casa nella propria area.
BOOM! Rigore per l’Inter a Torino? Impossibile che l’arbitro l’abbia dato per un misero strattone di maglia in area, come minimo lo sbagliamo. Milito, il mio Diego, non ha mai segnato a Torino…
GOOOOL! perdo la voce, quasi mi accontento. Ma perchè?
Possesso palla dell’inter il doppio di quello della Juve, crediamoci.
Entra Guarin e dico: “Mi accontento del pareggio, ma magari…”
Tiro del Guaro, Buffon smanaccia ed il principe è di nuovo lì.
La mette! GOOOOOOL! Il vino, l’emozione, rischio di cadere. I miei bimbi mi abbracciano (li ho allevati bene, sono interisti).
Poi affiorano i brutti presentimenti.
Manca un querto d’ora, sono esausto.
Impossibile vincerla a Torino, cambio canale, magari mi riprendo un po’.
Passano dieci minuti, sento che qualcosa non va, come minimo la Juve ha pareggiato, però mi accontenterei comunque di un coraggioso 2-2, speriamo loro non ne abbiano fatti addirittura 2. L’inter è così, non sei mai tranquillo…Cambio canale mentre Palacio la mette dentro su assist di Naga…
Incredibile, fatico ad urlare per la mancanza di voce e di forze.
Una felicità che avevo vissuto solo la notte di Madrid con il Bayern.
Ancora adesso mentre scrivo ho la pelle d’oca.
Rivedo Strama, rivedo il Principe, rivedo le esultanze del nuovo totem Juan Jesus. La grinta di Samuel, Zanetti che corre al 90′.
Tutti grandissimi.
Alla faccia di Marotta, dei miei amici gobbi e di Conte nella sua stanza di vetro (buttate via le chiavi).
Come direbbe un vecchio spot, LO JUVENTUS STADIUM ammoutolito dopo la terza pera, NON HA PREZZO, per tutto il resto c’è Mastercard.
Da Bolognese mi sento di aver, seppur minimamente, risarcito il povero bologna, fregato al 93′.
Amo l’Inter, forza Inter e forza Bologna.

Che dire:
PAZZA INTER AMALA!

Categorie:calcio, Inter
  1. LUCIO
    novembre 5, 2012 alle 9:52 pm

    banco ma ti sei proprio rincoglionito: invece di scrivere ste cacate perchè non fai i conteggi?

  2. novembre 5, 2012 alle 10:44 pm

    li ho spediti per posta drogato.

  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: